Il 10 novembre scorso ho avuto il piacere di scoprire Tastagelateria e pasticceria siciliana in Corso Garibaldi 111 che nasce per la prima volta a Marina di Ragusa grazie all’iniziativa di Peppe e Alberto, eredi degli oltre 56 anni di esperienza della famiglia Flamingo in questo settore.

La famiglia Flamingo inizia la propria attività nel 1960 con la produzione di coni e cialde in Sicilia a Modica alta; produzione gestita da Don Peppino, ideatore della cosiddetta “coppa flamingo”, divenuta poi emblema del gelato in Sicilia.

Don Peppino trasmette quindi la sua passione e la sua arte al figlio Rosario, che a sua volta la passa ai propri figli, Peppe e Alberto, i quali trasformano quest’arte in una vera e propria attività che oggi troviamo in diversi luoghi d’Italia (a Modica dal 2014, così come a Bologna e Milano dal 2016), ma anche all’estero, nella soleggiata Hollywood Boulevard di Miami (Florida).

La prima cosa che mi ha colpito è stato il nome curioso: Tasta deriva dalla parola in siciliano “tastare”, ovvero assaggiare o gustare. Tasta nasce appunto con l’intento di invitare i suoi clienti a provare e conoscere il prodotto e l’universo che si nasconde dietro di esso.

Prima di parlarvi della mia personale esperienza mi sembrava interessante parlarvi un poco anche della storia di questa gelateria-pasticceria, perché è giusto ricordare che dietro ad ogni prodotto che proviamo si nascondono volti, persone e storie, che a mio parere ci aiutano a capire meglio cosa abbiamo di fronte; e quando certe cose nascono da tradizioni familiari, non so voi, ma a me fanno subito sentire un po’ più a casa.

La prima volta che sono andata da Tasta è stato per provare le loro cioccolate in tazza: cioccolate “pure”, che a differenza della classiche cioccolate in tazza non si ottengono da bustine contenenti surrogati e amidima da barrette di cioccolata prodotta da un laboratorio artigianale modicano a marchio Tasta (ad eccezione del cioccolato bianco, belga), le quali, davanti ai tuoi occhi, vengono sciolte in latte caldo biologico o acqua (a seconda delle esigenze e della tipologia di cioccolato). Inoltre, l’unico addensante che viene utilizzato per rendere più cremoso il prodotto è la farina di semi di carrube, assolutamente naturale e senza additivi aggiunti.

Ma non finisce qui! Oltre al fatto di essere del tutto naturali e artigianali, quel che mi è piaciuto di queste cioccolate è il modo in cui vengono servite: ogni cioccolata (3 euro alla tazza) è infatti servita con con quattro biscottini gluten free (prodotti artigianalmente con farina di riso nel loro laboratorio) e può essere personalizzata, senza costi aggiuntivi, con granella di pistacchio di Bronte DOP, di nocciole, cannella, peperoncino o panna montata (come vedete appunto nella foto qua sotto).

Le tipologie di cioccolato in tazza tra cui è possibile scegliere sono quattro:

  • bianco
  • cioccolato al latte
  • cioccolato fondente
  • cioccolato fondente di Modica

Scontato dire quali abbia scelto io: fondente e fondente di Modica. Sebbene io sia un’appassionata del cioccolato fondente (quello tanto fondente, ovvero 100%), tra le due ho preferito il fondente di Modica, probabilmente perché, non venendovi aggiunto zucchero a queste cioccolate in tazza, il cioccolato di Modica è già dolce di suo e quando si tratta di cioccolato in tazza preferisco appunto un gusto più dolce.

In quella stessa occasione ho approfittato per assaggiare un loro cannolo. Da Tasta il cannolo viene creato “su misura”. Avete capito bene, perché è possibile scegliere la tipologia* (catanese o palermitano), il formato (mignon, standard o maxi… e credetemi, sono davvero maxi!) e il ripieno:

  • crema pasticcera (con latte biologico, scorza di limone e vaniglia)
  • ricotta (rigorosamente di pecora libera dei pascoli iblei) (io avevo provato il cannolo con questo ripieno e quando l’ho assaggiato mi è sembrato di non aver mai mangiato ricotta in vita mia!)
  • al cioccolato di Modica (crema di pura pasta di cacao Venezuela, cacao olandese e cioccolato di Modica in pepite)
  • pistacchio (crema arricchita di pistacchio verde di Bronte DOP)

N.B Non so voi, ma io non avevo idea del fatto che esistessero due tipologie di cannolo! La ragazza che mi ha servito mi ha quindi spiegato la differenza: il cannolo catanese è friabile, poco svasato, chiaro e lievemente aromatizzato alla cannella; mentre quello palermitano è croccante, molto svasato, scuro e aromatizzato al cacao (solitamente nel kit d’asporto si tende ad usare quest’ultimo poiché meno friabile e quindi più resistente ad eventuali urti).

In un’altra occasione sono invece andata a provare il loro gelato (foto in basso). Avevo scelto i seguenti gusti: signor calacauso (arachidi, caramello e cioccolato al latte), cheesecake ai frutti di bosco e infine pistacchio grezzo di Bronte DOP (IL MIGLIOR gusto al pistacchio che io abbia mai mangiato! Si sentivano persino i pezzettini di pistacchio!).

Inoltre, sebbene io non abbia alcun tipo di allergia, mi incuriosiva provare il cono senza glutine perché sembrava avere davvero un bell’aspetto e il risultato è stato scoprire un cono molto più buono di tanti coni tradizionali provati fino ad ora in altre gelaterie. Una frolla super croccante (di solito molto difficile da ottenere quando si tratta di prodotti senza glutine) e saporita. Che dire, la loro lunga tradizione nell’arte della produzione di coni e cialde si fa davvero sentire!

La cosa bella del gelato di Tasta è proprio il fatto che esso viene realizzato anche nel rispetto delle diverse esigenze alimentari:

  • SENZA GLUTINE
  • VEGAN e SENZA LATTOSIO
  • SENZA SACCAROSIO (è il caso della loro “Nocciola Zero” fatta con acqua, nocciole del Piemonte IGP, fruttosio e fibra vegetale, adatta a coloro che vogliono gustare un buon gelato senza derivati animali e con basso indice glicemico)

 

Come vi dicevo, però, Tasta è anche una pasticceria, per cui la vostra esperienza qui può iniziare in qualsiasi momento della giornata, a partire già dalla colazione (quando ero andata ho appunto letto sulla lavagna appesa alla parete in fondo alla stanza una vasta lista di té ed infusi che non vedo l’ora di provare assieme a qualche loro prodotto da forno!).

Infine, l’esperienza da Tasta può accompagnarvi fino a casa, poiché è possibile acquistare numerosi prodotti originali e sfiziosi di origine siciliana: dai biscotti alle caramelle, dalle tavolette di cioccolato di Modica nelle loro 12 varianti, ai liquori dai gusti interessanti.

Io ad esempio avevo acquistato una tavoletta di cioccolato al sale marino biologico di Trapani e una boccettina di liquore al cioccolato e peperoncino (ma lo trovate anche alla cannella, al finocchio e altri gusti ancora). Il cioccolato al sale marino è stata una piacevole scoperta in quanto non l’avevo mai provato prima: assaporandolo si sente benissimo il sale, ma alla fine, quando mandate giù l’ultimo pezzetto, vi resta in bocca solo il dolce del cioccolato. Del liquore al cioccolato e peperoncino (già non avevo dubbi nemmeno prima di comprarlo) MI SONO INNAMORATA FOLLEMENTE: racchiude due dei miei ingredienti preferiti ed in più è anche alcolico, per cui è qualcosa che adoro concedermi ogni tanto dopo cena quando mi viene voglia di dolce ma non ho voglia di eccedere; inoltre è l’ideale da servire a fine pasto quando si hanno ospiti a tavola e li si vuole stupire con qualcosa di originale.

Qui si conclude quanto ho scoperto finora di questo angolo di Sicilia in quel di Milano, ma non appena la mia esperienza da loro si ripeterà potrete vederlo come sempre sul mio profilo Instagram.

Spero tanto che questo articolo vi sia piaciuto e che vi abbia incuriosito; e soprattutto fatemi sapere se questo genere di post vi possono interessare perché non vedo l’ora di farvi conoscere altri posticini di Milano  da poter “fare vostri”.